Trekking in alta quota

Trekking in alta quota

La catena montuosa del Lagorai è la più lunga del Trentino orientale e si sviluppa per 70 chilometri. Un lungo tratto sovrasta la Val di Fiemme e l‘Alpe Cermis affondando le sue radici proprio in questa meraviglia naturale. I boschi selvaggi abbracciano tanti sentieri adatti a tutti: da quelli più impegnativi a quelli adatti alle famiglie. Qui sotto potrai scoprire i percorsi trekking più adatti a te.

I nostri consigli per te

Laghi di Bombasel con zaino portabimbo

I più piccini potranno divertirsi a tirare i sassi nell'acqua o a contare i pesciolini.

Splendidi specchi d’acqua blu incastonati tra le scure rocce del Lagorai, si raggiungono facilmente con una camminata di poco meno di un’oretta. Pendii pratosi, sentieri, comode mulattiere con grossi sassi sono gli scenari che si attraversano. Bimbi in spalla e sorriso sul viso, questa escursione promette varietà di paesaggi e tutto il divertimento che l’essere in riva a un laghetto assicura!

Laghi di Bombasel

I laghetti cristallini nella selvaggia catena del Lagorai

Facile itinerario in quota: il dislivello per raggiungere la partenza è coperto dagli impianti di risalita, all’escursionista rimane tutto il piacere di un’appagante camminata costantemente a 2000 mt e oltre! Un breve passaggio corredato di corda fissa e scalini, ma mai con vuoti o strapiombi, rende l’escursione dinamica e entusiasmante.

Ferrata Cermiskyline

L'orizzonte disegnato contro il cielo

CermiSkyline attraversa selvaggi e inaspettati panorami fino alla cima del Castel di Bombasel. I passaggi più impegnativi del tratto denominato Vertigo si possono aggirare con varianti più agevoli e ne fanno un percorso adatto anche a famiglie sportive e attrezzate. Precede l’attacco alla ferrata una piacevole escursione che conduce ai laghi di Bombasel, mèta classica per gli appassionati dell’Alpe Cermis.

Sulle orme della natura

Nel magico bosco tra fauna e flora

Facile percorso in quota immerso nei profumi del bosco, che porta alla scoperta di informazioni e curiosità sulla fauna e la flora della zona. Numerose e appassionanti tabelle esplicative accompagnano lungo i pendii dell’Alpe Cermis: illustrano gli animali che popolano le montagne di Fiemme e aiutano a decifrare la natura che ti circonda.

Orizzonti Dolomitici

Dove il panorama si apre grandioso sulle cime più belle della Val di Fiemme e delle Dolomiti

L’itinerario, con partenza da Villaggio Cermis, a 2000 metri, tra molteplici casette in legno col tetto a punta, porta a cima Paion del Cermis, 2200 metri. Guadagnando quota, la vista si apre grandiosa verso le più belle cime della valle di Fiemme e dei dintorni: il Latemar, il Catinaccio, la sagoma inconfondibile delle Pale di San Martino, il Sella. Arrivati in cima, grazie al punto di osservazione “Panoramio 360°”, un pannello che permette di identificare e dare un nome alle meraviglie che colmano lo sguardo, si possono osservare la Marmolada, il Cevedale, il Sassolungo e tante altre cime.

Sguardo sulla Val Moena

Alla scoperta dell’autentica natura del Lagorai

Itinerario di media difficoltà in un bosco d’alta quota formato da pini cembri secolari. Un ambiente incontaminato dove dominano in sottofondo i suoni della natura. Dalla cresta della Corda del To della Trappola si apre davanti a voi il panorama verso la Val Moena, gioiello incastonato nella Catena del Lagorai, con boschi, pascoli e sullo sfondo i rilievi rocciosi.

Resta in contatto,
stay tuned

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi le news di Alpe Cermis: eventi e appuntamenti, sulle nostre piste da sci, escursioni, itinerari e tanto altro.